Nessuna vetta è irraggiungibile

Scopo del progetto è di promuovere le eccellenze locali e celebrare il talento in ogni sua forma. Nell’arco di periodo 2016-2021, DiaSorin ha richiesto alla Federazione Italiana degli Sport Invernali Paralimpici (FISIP) di selezionare sulla base di criteri di talento ed eccellenza una rosa di atleti tra quelli che hanno rappresentato l’Italia ai XII Giochi paralimpici invernali di PyeongChang in Corea del Sud, svoltisi tra il 9 ed il 18 marzo 2018 nella stessa località che ha ospitato i XXII Giochi olimpici invernali. I successi ottenuti dagli atleti azzurri alle Paralimpiadi sono stati importanti, con 2 ori nello slalom gigante e nello slalom, 2 argenti nel cross snowboard e nel super G ed un bronzo nella discesa; un vero successo se comparato con le precedenti edizioni di Sochi 2014 dove la compagine italiana non aveva conquistato nessuna medaglia. Per questo motivo, DiaSorin ha deciso di supportare nuovamente questo progetto per il quadriennio 2019-2022, sostenendo il percorso agonistico futuro dei nuovi “talenti” sportivi che FISIP deciderà di selezionare ed allenare affinché rappresentino l’Italia ai prossimi Giochi del 2022 a Pechino. Nel 2020, nonostante la pandemia, FISIP ha proseguito gli allenamenti nel rispetto delle regole applicate per contenere la diffusione della pandemia da COVID-19, senza tuttavia poter partecipare a gare nazionali od internazionali.

La nostra missione
Promuovere le eccellenze locali e celebrare il talento in ogni sua forma, specie quando si esprime nella difficoltà e nella disabilità.
0

L’iniziativa FISIP

Le ultime Paralimpiadi Invernali di Pyeongchang 2018 hanno visto i giovanissimi atleti Giacomo Bertagnolli e la sua guida Fabrizio Casal conquistare ben 4 medaglie, di cui due d’oro; lo snowboard ha regalato all’Italia un argento nel Cross con il veronese Manuel Pozzerle, mentre il toscano Jacopo Luchini ha sfiorato nelle due gare il podio con due quarti posti. Lo sci nordico sta crescendo poco alla volta con la dedizione dello staff tecnico e l’impegno degli atleti coinvolti.

La FISIP guarda anche oltre, per questo è ormai una realtà anche un nuovo settore: il parabob. La FISIP è stata tra le prime al mondo a sposare questo nuovo progetto e la speranza è di poter vedere sfrecciare qualche atleta azzurro già a Pechino 2022, quando la disciplina dovrebbe essere inserita ufficialmente nel programma paralimpico.

La forza della FISIP sta nei propri atleti e nelle Società Sportive che si prodigano per reclutare nuovi tesserati e che promuovono gli sport della neve riservati alle persone con disabilita. Le Società sportive che desiderassero aderire alla FISIP trovano sul nostro sito l’elenco dei documenti necessari.

Segui FISIP sui social network

Facebook Twitter


Passione per le scienze, passione per la vita


Sostenere i piccoli non è piccola cosa


Nessuna vetta è irraggiungibile